È morto lo scrittore Amos Oz

È morto oggi, all’età di 79 anni, dopo una lunga malattia, lo scrittore Amos Oz. Nato a Gerusalemme il 4 maggio del 1939, intellettuale prima ancora che letterato, è intervenuto fermamente nella vita politica, in quanto a sempre sostenitore della “soluzione dei due Stati” in merito al conflitto arabo-israeliano.

Le sue opere – romanzi, saggi, libri per bambini – sono state tradotte in oltre quaranta lingue: in Italia è pubblicato da Feltrinelli e tradotto a Elena Loewenthal. Amos Oz – il cognome vuol dire “forza” – ha vinto il Premio Israele per la Letteratura (1998), il Premio Goethe alla carriera (2005), il Premio Principe delle Asturie per la Letteratura (2007) il Premio Heirinch Heine (2008), il Premio Salone Internazionale del Libro (2010) e il Premio Letterario Internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa (2012). Il suo romanzo più celebre è sicuramente Una storia di amore e di tenebra, mentre l’ultimo, pubblicato poche settimane fa, è Finché morte non sopraggiunga.

Lo ricordiamo attraverso alcuni dei suoi titoli più significativi.

 

Finché morte non sopraggiunga

Un uomo che di fronte al proprio inesorabile declino constata l’amara dissipazione delle occasioni perdute, una banda di sgangherati crociati che non arriveranno mai in Terra Santa: due storie molto lontane fra loro nel tempo e nello spazio, ma che raccontano in fondo la stessa malinconia di vivere, la stessa disperata ricerca di un senso per se stessi e per il mondo. Con il suo sguardo lucido e profondo, Amos Oz conduce il lettore in una Tel Aviv e un Israele che non esistono più, in un’Europa arcaica e crudele: al cuore di tutto c’è un’umanità in cui, malgrado la distanza, non si può fare a meno di riconoscersi.

Altrove, forse

A Mezudat Ram, un kibbutz isolato nel Nord del paese, circondato da nemici e sormontato dall’ombra di cupe montagne, si svolge la vita di una comunità di coloni, dediti all’agricoltura e all’allevamento, allo sport, alla musica, al dibattito, ma soprattutto alla purificazione. A trent’anni dalla fondazione del kibbutz, infatti, sono essenzialmente gli ideali di miglioramento personale e collettivo che sostengono i kibbutzim e il miglioramento si attua anche grazie al pettegolezzo. Questo spiega la voce narrante di un colono che guida il lettore – non senza malizia e ironia – alla scoperta degli abitanti del kibbutz, concentrandosi soprattutto sulla famiglia di Ruben Harish. Questi è tra i più convinti sostenitori di una vita pacifica e collettiva, l’instancabile cantore delle virtù di un’esistenza semplice e illuminata, il poeta del kibbutz. La moglie Eva lo ha abbandonato per fuggire con un cugino in visita a Mezudat Ram come turista. Si è sposata, vive in Germania e aiuta il nuovo marito a gestire un night-club. Ruben lo ha accettato senza lamentarsi, sprofondando in una tristezza nobilitata dai doveri di maestro, guida turistica e poeta. È rimasto solo col figlio Gai e la figlia Noga e, per consolarsi, ha iniziato una blanda relazione con un’amica Bronka, un’’insegnante sposata, madre di due figli.

Una storia di amore e di tenebra

Amore e tenebra sono due delle forze che agiscono in questo libro, un’autobiografia in forma di romanzo, un’opera letteraria che comprende le origini della famiglia di Oz, la storia della sua infanzia e giovinezza a Gerusalemme e poi nel kibbutz di Hulda, l’esistenza tragica dei suoi genitori, e una descrizione epica della Gerusalemme di quegli anni, di Tel Aviv che ne è il contrasto, della vita in kibbutz, negli anni trenta, quaranta e cinquanta. La narrazione si muove avanti e indietro nel tempo, ricostruendo in 120 anni di storia familiare una saga che vede protagonisti quattro generazioni di sognatori, uomini d’affari falliti e poeti egocentrici, riformatori del mondo, impenitenti donnaioli e pecore nere.

Una pace perfetta

Kibbutz Granot. È un inverno piovoso, interminabile. Il buio cala presto, fa freddo e solo il calore dentro le case è capace di consolare. Yoni e Rimona sono due giovani sposi malinconici: lei sogna i figli che non ha avuto, lui il deserto, la fuga. Hava e Yolek invece rimuginano su vecchi rancori e nuove delusioni. Bolognesi, un ex detenuto graziato, un tipo strano ma con delle mani d’oro, lavora a maglia e borbotta frasi incomprensibili. Poi, nell’ennesima sera di pioggia, fa la sua comparsa Azariah, un ragazzo tutto ingenuità ed entusiasmo. Da quella sera, le cose a poco a poco cambiano. Ciascuno sembra andare progressivamente verso il proprio destino. E forse smetterà di piovere. Ambientato alla vigilia della Guerra dei Sei Giorni, nel 1967, “Una pace perfetta” incastona la vita di un kibbutz nella storia d’Israele e nel presente.

Contro il fanatismo

«Come curare un fanatico? Inseguire un pugno di fanatici su per le montagne dell’Afghanistan è una cosa. Lottare contro il fanatismo è un’altra, completamente diversa. L’attuale crisi mondiale in Medio Oriente o in Israele e Palestina non discende dai valori dell’Islam. Non è da imputarsi, come dicono certi razzisti, alla mentalità araba. Ha invece a che fare con l’antica lotta fra fanatismo e pragmatismo. Fra fanatismo e pluralismo. Fra fanatismo e tolleranza. Il fanatismo nasce molto prima dell’Islam, del cristianesimo, del giudaismo. Viene prima di qualsiasi stato, governo o sistema politico. Prima di qualsiasi ideologia o credo. Disgraziatamente, il fanatismo è una componente sempre presente nella natura umana, è un gene del male» (Amos Oz).

 

    

La redazione

(www.excursus.org, anno XI, n. 91, gennaio-febbraio 2019)